Archivi delle etichette: minervini

stop the pounding heart

minervini

 

La pesantezza dei corpi, compreso quello di Sarah, è l’altra faccia della loro innocenza. Da questo punto di vista, non c’è sostanziale differenza tra Corpi umani e Corpi animali, tra i farmers e le capre che allevano – perfino tra i tori e chi li cavalca nei rodei. O meglio, la differenza si palesa forse solo alla fine, quando Sarah, non si sa bene perché, indossa uno splendido vestito bianco di foggia ottocentesca, col quale incede nel recinto degli animali, pieno di fango, e il fango non la sporca.

Di questo film  parlo nel n.640 di Filmcritica, ma segnalo anche la bellissima conversazione di Daniela Turco con Roberto Minervini nel n.639.

a.c.

Annunci

Low Tide

Low Tide. Carmelo Bene diceva che Verdi era italiano per caso. Certamente italiano per caso è Roberto Minervini, non solo perché ha girato Low Tide in Texas, dove vive da anni, non solo perché ha potuto utilizzare alcuni componenti dell’équipe dei fratelli Dardenne, ma soprattutto perché affida la nascita delle sue immagini a uno sguardo aurorale e partecipe, senza bisogno di drammatizzazioni fittizie: uno sguardo che si potrebbe definire documentaristico, se nella nozione di documentario includiamo la capacità di una messa in scena interiore. La camera a mano scandisce i vagabondaggi e sottolinea la disperata solitudine di un dodicenne senza amici, che convive nello squallore con una madre alcolizzata, in una casa fatiscente (che si occupa lui di riordinare alla meglio). Animali, pesci, serpenti sono i suoi soli amici, tra il fiume e il bosco, lungo i campi assolati di una natura riarsa – e se c’è una sorta di riconciliazione (con la madre, dopo il tentato suicidio del ragazzo) è una riconciliazione precaria, sulla spiaggia sporca di alghe lasciate dalla marea, che l’acqua potrebbe presto tornare a sommergere.

a.c.