da Venezia ( 5 )

‘ Ci muoviamo su un terreno minato. Camminiamo sull’orlo dell’ abisso, dietro ogni angolo è in agguato l’ imprevisto, l’ inimmaginabile. Non possiamo dare niente per certo, potrebbe finire tutto di colpo, nel modo che meno ci aspetteremmo’ ( J. Skolimowski )

Se ‘ 11 Minuti  ‘ non fanno, fassbinderianamente, un giorno, possono però farsi materiale incandescente nelle mani di J.Skolimowski. Più figure /attori, che personaggi, del quotidiano, volutamente senza un forte e connotato spessore psicologico, si muovono vorticosamente in 81 minuti di proiezione, incrociandosi e allontanandosi fino al crash finale, in uno spazio tempo coagulato e entropico. Una riflessione sulle tante durate nel cinema che può eccedersi e riavvitarsi grazie a un montaggio dove tutto è immanente e dove il trascendente sembra non avere più possibilità di accesso.

d.t.  a.p.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: