memorie dal TFF ( 7 ) e ..Filmmaker International Film Festival a Milano,

che si è  aperto venerdì scorso con ‘ Jauja’ di Lisandro Alonso. Così ne scriveva Edoardo Bruno da Cannes nel numero 645/646 della rivista: ” Paradiso Perduto nella Patagonia di fine Ottocento, dagherrotipo con i bordi arrotondati come nelle vecchie stampe, fermo nel tempo, film western, con gli indiani e il Cavaliere venuto dalla Danimarca portando con sè la giovane figlia Ingeborg e i soldati che bivaccano nell’ attraversare il deserto, e film di ricerca inquietante, quando la figlia viene rapita negli ampi spazi dell’ avventura.Alonso decifra con un candore visivo la violenza, la sete e il sesso, in un film quasi fuori dal tempo.Inseguendo, come nelle altre sue opere, una traiettoria geografica, il corso di un fiume, costeggiando il mare, salendo sulla montagna, ‘ racconta’ i paesaggi con uno stile letterario; le visioni si susseguono come ripetizioni poetiche in un gioco di analogia e di metafora, con pochi dialoghi, dove suoni e parole si impastano nel silenzio di un continuo tramonto.Come una favola,il film si conclude con il risveglio di Ingeborg nel suo castello in Danimarca.Dove il segno si trasforma in enigma ”

a.p.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: