Monthly Archives: settembre 2013

ADDIO RICHARD C. SARAFIAN

Cos’altro il cinema se non il nostro vanishing point?

Per la scomparsa di un grande.

VENICE RELOADED, STRAUB

BERTOLUCCI+SCHRADER+TSUKAMOTO (RELOADED)

I migliori tre da Future Reloaded

 

Bernardo Bertolucci

 

Paul Schrader

 

Shinya Tsukamoto

VENEZIA 2013: SCOPERTE (MAHI VA GORBEH di Shahram Mokri)

Tra Ruiz e Béla Tarr, tra Polanski e un Kiarostami fatto d’acido…

 

fish__cat-659x388

VENEZIA 2013: LA JALOUSIE di Philippe Garrel

Libero infine, Garrel fa il suo ‘primo’ vero film nouvelle vague, come un pittore d’acquerelli arriva al nucleo della chimica dell’amore che ha sempre inseguito: qualcosa che inizia e qualcosa che finisce.

Magnifico.

 

VENEZIA 2013: JAOYOU (STRAY DOGS) di Tsai Ming-liang

Rifare tutto il percorso e tornare alle origini dichiarandone la posa ultima, con ancora all’appello Antonioni e Fassbinder, e gridando sempre Vive l’amour. Un ‘plan’ di dodici minuti ci ha fatto perdere gli occhi per inabissamento.

L’ultimo (?) capolavoro di Tsai Ming-liang.

 

VENEZIA 2013: SACRO GRA di Gianfranco Rosi

Correre ai margini per cogliere il cuore vivo di ciò che, mutando incessantemente, rimane intatto.

Pier Paolo Pasolini avrebbe molto apprezzato

 

VENEZIA 2013: FENG AI di Wang Bing

Viaggio paranoico in un carcere manicomio collettivo, viaggio di follia e di amore, finchè qualcuno non prende la strada della fuga nella notte…

 

feng-ai

VENEZIA 2013: SCOPERTE (ALGUNAS CHICAS + MEDEAS)

Due film sorprendenti che mettono in abisso l’immagine. Non perdiamoli di vista.

ALGUNAS CHICAS di Santiago Palavecino

venezia70-sala-web-algunas-chicas-santiago-palavecino-04

 

MEDEAS di Andreas Pallaoro

medeas

VENEZIA 2013: ANA ARABIA di Amos Gitai

Un piano sequenza unico, a raccogliere di nuovo tutte le idee, tutti i conflitti, tenendo alta la speranza, fino ad alzarsi miracolosamente verso il cielo.

Un nuovo grande film di Amos Gitai