La chiamano ‘snella’ e ‘per i giovani’ questa ‘nuova’ Mostra del Cinema di Venezia. Ma da due giorni che siamo qui snello è significato solo che ci sono pochissimi film da vedere, grandi vuoti (compreso lo scandaloso buco da 40 milioni di euro dove sarebbe dovuto sorgere il nuovo palazzo del cinema, e oggi esala solo una spianata di amianto) che spazzano via l’avventura ingorda che sarebbe bello fossero sempre i festival, che eliminano del tutto il rischio connaturato al vedere. E così i giovani (cosiddetti) vacillano nell’aria soporifera del solito cinemino di qualità da festival che sembra voler riportare a Venezia quella medietà che speravamo dimenticata. Casuale incapacità della selezione o vero e proprio progetto ‘politico’?
Da parte nostra segnaliamo per ora un paio di visioni non trascurabili, benchè anch’esse nella linea dei cineasti che le firmano.

L’ipnotico fluviale delitto e castigo con fantasmi di Kiyoshi Kurosawa: Penance

 

Il genio scatenato e rigorosissimo di Enzo Avitabile filmato da Jonathan Demme (degno vertiginoso prosecutore dell’incursione napoletana di Abel Ferrara): Enzo Avitabile Music Life

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: