DIARIO (MINIMO) USA

1) Scivolando sulle acque ai cui lati si alza lo skyline di Chicago. Ma in verita’, a differenza di New York, qui non e’ un innalzamento, ma un liquido inabissamento, rifratto e specchiato, come una goccia che si allarga, non teso, dilatato, diluito, metafisico. E si capisce perche’ James Cameron si impadronisce dei cinquanta minuti finali di Transformers 3, altroche’ se e’ chiaro.

2) Steven Spielberg produttore: Falling Skies (serie tv), Super8 di J. J. Abrams, Cowboys vs. Aliens di Jon Favreau. Gli alieni continuano a partire nei finali e gli umani continuano a guardarli andar via nel cielo. Nel bene e nel male. Sono film malinconici questi, compresa la loro fiducia nella ripetizione (come gia’ l’ultimo grande Indiana Jones), compresa la loro tenera autoironia, la loro fiducia in una mitologia lontana.

3) Percorse oltre 4.000 miglia in macchina attraverso California, Nevada, Utah, Colorado, Nebraska, Iowa, Illinois. Da San Francisco a Los Angeles, da Los Angeles a Chicago.

 

 

 

l.e.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: