Il cine-fucile.


Durante l’invasione nazista, a capo d’una squadra di reporter, Medvedkin era partito per il fronte e aveva inventato il cine-fucile, una cinepresa che si impugnava come un’arma, che era un’arma. Attualità di guerra, documenti strappati ogni momento alle unghie rapaci della morte; ma il pubblico sovietico aveva continuato a preferire commedie e musical, o ricostruzioni “storiche”, agiografie in cui il compagno Stalin, pieno di buon senso e di modestia, non disdegnava di riparare i trattori con le sue mani. E se qualcuno (sull’esempio d’un Bukarin) avanzava l’idea che magari era il caso di pensare un po’ meno all’industria pesante e un po’ più all’incremento dei consumi, peggio per lui. Incombevano i processi di Mosca, la grande paura.

a.c.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: